Salute

Dolori posturali: perchè arrivano e come curarsi

La nostra colonna vertebrale è una struttura anatomica eccezionale, capace di adattarsi all’ambiente circostante e di compiere una serie di molteplici movimenti diversi tra loro.

Tuttavia, la sua postura, ovvero il modo in cui essa si posiziona nella vita quotidiana, è di fondamentale importanza affinché possa rimanere il più dritta possibile e possa tenere lontani i cosiddetti dolori posturali, ovvero sensazioni dolorifiche dovute a particolari e scorrette posture assunte per tempi prolungati.

I principali dolori posturali

Una prima tipologia di dolore posturale è rappresentata dai dolori cervicali, a carico cioè del collo e delle vertebre in esso contenute. I sintomi legati al dolore cervicale sono molteplici: tra essi si annoverano cefalee, ovvero dolori che arrivano fino al cranio e alla fronte, vertigini, dolore irradiato anche nella restante parte della schiena o cervicobrachialgia, ovvero il dolore che si espande fino agli arti superiori e alle mani.

Una seconda tipologia di dolore posturale riguarda il dolore dorsale, largamente associati alla scorretta postura, la quale può comprendere una sbilanciata flessione anteriore o posteriore della colonna vertebrale.

Questo può portare, con il tempo, all’instaurarsi di cifosi o scoliosi, ovvero vere e proprie deformazioni della colonna in grado di arrecare dolori piuttosto intensi. Il sintomo principale del dolore dorsale è rappresentato dall’insorgenza di un dolore locale unilaterale e capace di irradiarsi fino alla testa o alle costole. L’ultima tipologia di dolore posturale riguarda il dolore lombare, a carico cioè della parte più inferiore della schiena.

Questo scatena piuttosto frequentemente dolore a fascia bilaterale, puntiforme, originato da contratture derivanti dalla postura scorretta e dolore che si irradia anche agli arti inferiori, causando la cosiddetta lombo-sciatalgia, ovvero la situazione infiammatoria a carico del nervo sciatico che corre lungo l’area anteriore della coscia.

Dopo questo quadro generale sulle varie tipologie di dolori posturali, ci si può chiedere: quali sono i rimedi più efficaci?

I rimedi per i dolori posturali

Innanzitutto, è consigliabile avvalersi dell’aiuto fornito dagli esami strumentali, come le radiografie, per valutare l’entità del dolore e per verificare il suo impatto sulla forma e sulla stabilità della colonna vertebrale.

In linea di massima, tuttavia, il miglior rimedio per ogni dolore posturale è quello procurato dal fisioterapista, il quale è la persona perfetta in grado di valutare il dolore e la causa scatenante, nonché di utilizzare le tecniche fisioterapiche migliori e adatte alla situazione specifica.

In alternativa, si può ricorrere a farmaci antinfiammatori o analgesici per alleviare il dolore, così come si può ricorrere alla gamma di prodotti Dicloreum per dolori posturali, come pomate o trattamenti di automedicazione in grado di dare rapido sollievo dal dolore, anche se non risolvendo alla radice il problema occorso alla regione anatomica colpita da dolori posturali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

PERDI PESO da soli 39 €SCOPRI DI PIU'